Protezione dal vento e dal tempo

Lo stra­to di im­per­mea­bi­liz­za­zio­ne al ven­to pro­teg­ge dall'ester­no la coi­ben­ta­zio­ne da pos­si­bi­le piog­gia, ne­ve e ven­to. Inol­tre prov­ve­de a evi­ta­re che la coi­ben­ta­zio­ne sia at­tra­ver­sa­ta da aria fred­da, per­met­ten­do­le in que­sto mo­do di eser­ci­ta­re pie­na­men­te la sua fun­zio­ne.

 

Questo significa che:

L'iso­la­men­to al ven­to è de­ter­mi­nan­te ai fi­ni di un'ot­ti­ma­le fun­zio­na­men­to del­la coi­ben­ta­zio­ne. Il man­to an­ti­ven­to è mon­ta­to sul­la par­te ester­na del­la coi­ben­ta­zio­ne e im­pe­di­sce che gli stra­ti più ester­ni del­la stes­sa sia­no at­tra­ver­sa­ti dall'aria che spin­ge dall'ester­no.

E' fon­da­men­ta­le per con­sen­ti­re un cor­ret­to fun­zio­na­men­to dei pac­chet­ti coi­ben­ti pre­sen­ti in una strut­tu­ra (cel­lu­lo­sa, fi­bra di le­gno, ca­na­pa, fi­bre di la­na o mi­ne­ra­li, al­tri ma­te­ria­li) che all'in­ter­no del si­ste­ma coi­ben­te l'aria sia com­ple­ta­men­te fer­ma. L'im­per­mea­bi­liz­za­zio­ne al ven­to ga­ran­ti­sce in que­sto mo­do la cor­ret­ta pre­sta­zio­ne del­la coi­ben­ta­zio­ne e im­pe­di­sce un pos­si­bi­le raf­fred­da­men­to del­le su­per­fi­ci in­ter­ne.

Nel ca­so di co­stru­zio­ni ca­rat­te­riz­za­te da si­ste­mi di iso­la­men­to con un tet­to ven­ti­la­to, lo stra­to im­per­mea­bi­le al ven­to of­fre un'ul­te­rio­re si­cu­rez­za con­tro un'even­tua­le goc­cio­la­men­to di ac­qua di ru­gia­da, piog­gia e ne­vi­schio.

Uno stra­to d'im­per­mea­bi­liz­za­zio­ne al ven­to ac­cu­ra­ta­men­te ese­gui­to au­men­ta la si­cu­rez­za dell'in­te­ro si­ste­ma ed evi­ta pos­si­bi­li cor­ren­ti con­vet­ti­ve.

Coibentazione non protetta

Coibentazione non protetta

Il mo­vi­men­to dell'aria nel­la strut­tu­ra po­ro­sa ri­du­ce le pre­sta­zio­ni coi­ben­ti del­la stes­sa.

Coibentazione protetta

Coibentazione protetta

Non so­no pos­si­bi­li mo­vi­men­ti d'aria nel­la strut­tu­ra po­ro­sa, ga­ran­ti­ta la pie­na pre­sta­zio­ne coi­ben­te.

 

Un esempio

An­che l’ef­fet­to iso­lan­te di un ma­glio­ne di la­na si ba­sa sull'as­sen­za di mo­vi­men­to dell’aria tra le sue fi­bre: quan­do in­fat­ti ti­ra ven­to fred­do il suo ef­fet­to iso­lan­te di­mi­nui­sce. Se in­dos­sia­mo so­pra una sot­ti­le giac­ca a ven­to, che da so­la non ha par­ti­co­la­re fun­zio­ne coi­ben­te, l’ef­fet­to è di nuo­vo pre­sen­te.