Giunti dei pannelli con RAPID CELL

RA­PID CELL na­stro ade­si­vo ra­pi­do, per l'in­col­la­tu­ra im­per­mea­bi­le all'aria, eco­no­mi­ca e du­re­vo­le del­le fu­ghe dei pan­nel­li in de­ri­va­ti del le­gno.

 

Vantaggi

  • Na­stro ade­si­vo ra­pi­do sen­za stri­scia di se­pa­ra­zio­ne
  • Per in­col­la­tu­re im­per­mea­bi­li all'aria se­con­do DIN 4108-7, SIA 180 e OE­NORM B 8110-2
  • Nes­su­na ne­ces­sità di ri­muo­ve­re , rac­co­glie­re e smal­ti­re car­ta an­ti­a­de­si­va
  • Si può stac­ca­re ma­nual­men­te Ri­spar­mio di tem­po ri­spet­to a na­stri ade­si­vi con stri­scia di se­pa­ra­zio­ne del 60% cir­ca.

 

 

RAPID CELL

Aree di applicazione

pro cli­ma RA­PID CELL é im­pie­ga­to per la na­stra­tu­ra ve­lo­ce, du­re­vo­le e a te­nu­ta d'aria di fu­ghe di pan­nel­li in de­ri­va­ti del le­gno im­per­mea­bi­li all'aria, co­me ad es. OSB o a più stra­ti, ne­gli in­ter­ni. Inol­tre può es­se­re im­pie­ga­to per la na­stra­tu­ra del­la so­vrap­po­si­zio­ne di guai­ne im­per­mea­bi­li all'aria ne­gli in­ter­ni.

An­che fu­ghe a cro­ce e a T pos­so­no es­se­re in­col­la­te con RA­PID CELL. Nel ca­so di fu­ghe a T, l'in­col­la­tu­ra ver­ti­ca­le del­la T do­vreb­be es­se­re ese­gui­ta, se pos­si­bi­le, cir­ca 3 cm al di so­pra dell'asti­cel­la oriz­zon­ta­le del­la T. Se non é pos­si­bi­le, dev'es­se­re in­col­la­ta pri­ma la par­te ver­ti­ca­le. In se­gui­to si può in­col­la­re la par­te oriz­zon­ta­le del na­stro ade­si­vo, in mo­do che non ri­man­ga un'estre­mità li­be­ra.

RA­PID CELL non é adat­to ad es. per:

  • Rac­cor­di di fi­ne­stre
  • In­ter­se­zio­ni di tu­bi pas­san­ti
  • In­col­la­tu­ra di gran­di di­fet­ti

 

Condizioni generali

Le giun­zio­ni non de­vo­no es­se­re sot­to­po­ste a sfor­zi di tra­zio­ne.
Nel ca­so di in­col­la­tu­ra di fre­ni al va­po­re, il pe­so del ma­te­ria­le coi­ben­te dev'es­se­re so­ste­nu­to da una li­stel­la­tu­ra. Even­tual­men­te, fis­sa­re il rac­cor­do per mez­zo di li­stel­li di ar­ma­tu­ra.
Pre­me­re con de­ci­sio­ne i na­stri ade­si­vi. Fa­re at­ten­zio­ne ad una con­tro­pres­sio­ne suf­fi­cien­te e al­la po­sa sen­za pie­ghe dei fre­ni al va­po­re.
Un'ele­va­ta umi­dità dell'aria am­bien­ta­le dev'es­se­re eli­mi­na­ta ra­pi­da­men­te me­dian­te una ven­ti­la­zio­ne coe­ren­te e con­ti­nua, even­tual­men­te im­pie­gan­do un es­sic­ca­to­re da can­tie­re.

 

Prodotti del sistema

 

Tavola delle applicazioni

In re­la­zio­ne all'im­pie­go e al­le pos­si­bi­lità di com­bi­na­zio­ne dei sin­go­li pro­dot­ti vi pre­ghia­mo di pren­de­re in con­si­de­ra­zio­ne an­che i con­si­gli nell'ag­gior­na­ta ta­vo­la del­le ap­pli­ca­zio­ni pro cli­ma.